Come pianificare gli esami universitari





L’università è iniziata da poco e già ti vuoi mettere sotto a studiare per dare quanti più esami possibili. Solo che, però, non sai bene come organizzarti. Beh, se ti può consolare devi sapere che non sei l’unico. Ci sono, infatti, tantissimi studenti che sono indecisi su quali esami dare. Per fortuna ecco che in questa guida si parla di come pianificare gli esami universitari.



Come ben sai ci sono esami che sono difficili ed esami che sono molto facili. Per gli esami difficili devi dedicare ore e ore e anche settimane e settimane di studio. Per quelli facili a volte basta anche una settimana di studio per prendere un “meritatissimo” 18. C’è da dire, però, che ogni esame scritto superarlo con molta facilità poiché ci sono oggetti “magici”: guarda qui.

Decidi il tuo piano di studi

La prima cosa che devi fare è quella di decidere il tuo piano di studi. Esso in alcune università al primo anno è fisso per tutti mentre al secondo anno lo studente può decidere quale materia studiare tra quelle presenti nel corso di laurea per arrivare, appunto, alla laurea. Quindi, in altre parole, devi scegliere di studiare un determinato numero di materie. Dopo averle scelte inizia a studiare e non perderti d’animo alle prime difficoltà. Se ti può servire, ecco la guida su guida su come studiare bene.

Fai una scaletta

Nelle righe sopra abbiamo parlato di esami facili e di esami difficili. In questa guida su come pianificare gli esami universitari ti spieghiamo anche come stilare la scaletta in modo da renderti facile la strada verso la laurea. Ci sono studenti che preferiscono fare gli esami facili per primi ma non c’è cosa più sbagliata. Vorrei, forse, ritrovarti alla fine con tutti gli esami difficili da fare? No, quindi ecco che non devi assolutamente fare quelli facili per primi e quelli complicati per ultimi. Il modo vincente è quelli di alternarli gli esami facili a quelli difficili.